slideshow_01
slideshow_02
slideshow_03
slideshow_04
slideshow_05

In vetrina

Abbiamo bisogno di te!

lab volantino volontari lab italiano

Progetto "CONOSCERCI PER CAPIRCI"

Dalla sinergia tra il Comune di Limana e Samarcanda, un laboratorio di lingua e cultura italiana per i richiedenti asilo. Fondamentale il mondo del volontariato. Per l'avvio del laboratorio, che si svolgerà in incontri settimanali di due ore nella sala riunioni del Centro sociale Col del Sole, abbiamo bisogno di volontari per assistere i partecipanti durante gli incontri. I volontari affiancheranno i ragazzi che frequentano i corsi di italiano del CPIA di Belluno e hanno bisogno di fare esercizio.

 

Per informazioni e adesioni, rivolgersi all'Ufficio Servizi Sociali entro il 30 aprile:

Dott.ssa Katy Battiston Tel: 0437 970111 E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Partirà a breve "Conoscerci per capirci", il laboratorio di lingua e cultura italiana rivolto ai richiedenti asilo accolti a Limana, promosso dalla cooperativa sociale Samarcanda onlus e dall'Amministrazione comunale di Limana, in collaborazione con l'associazione Insieme per Limana Donne.


"Il laboratorio si pone come uno strumento per accompagnare i profughi e richiedenti asilo nell'apprendimento la lingua italiana – spiegano i responsabili di Samarcanda, ideatori dell'iniziativa - sia per bisogni di immediata rilevanza quotidiana, sia per migliorare il proprio inserimento e la propria integrazione nella comunità bellunese e, più in generale, nella società italiana".

 

L'iniziativa ha lo scopo di combattere le forme di emarginazione legate alla scarsa padronanza della lingua; agevolare la partecipazione attiva alla vita sociale; stimolare i processi che portano all'autonomia di giudizio e senso di responsabilità; realizzare uno spazio aperto di confronto interculturale.

 

"Auspichiamo interesse da parte dei giovani della comunità limanese", commenta l'Assessore alle Politiche Sociali Edi Fontana, invitando i cittadini a rendersi disponibili a dedicare qualche ora del proprio tempo. "Crediamo molto in questo progetto, che abbiamo subito appoggiato, convinti che permetta di aiutare in modo concreto i giovani accolti sul nostro territorio e offrire ai cittadini limanesi la possibilità di arricchirsi".

 

"Spesso i profughi e i richiedenti asilo hanno poche occasioni parlare la lingua italiana e di interagire con la comunità locale", continuano i promotori. "Attraverso questo progetto vogliamo coinvolgerli direttamente in attività costruite in base ai loro bisogni, che permettano di consolidare le conoscenze e competenze linguistiche acquisite durante i corsi di italiano proposti dal Cpia; approfondire le abitudini e le leggi della società italiana; favorire la conoscenza reciproca e lo scambio culturale".